Nidia Robba - poetessa e scrittrice di Trieste



A Maria Grazia Zutta


Maria Grazia, nomi dolcissimi!
tu che amavi, disegnavi, e tingevi
usando la pių soave pittura

lasciando a noi, di te, la tua bravura.
Con le dita l'acquarello stendevi
classificandoti fra i bravissimi.


Fluidificavi il color rivolgendo
la tua arte al pių casto elemento,
dando al duro disegno finezza.

Esprimi arte, amore, con gentilezza
suscitando, in chi ammira, godimento
ma anche all'autor domande richiedendo.


Desidererei vedere i tuoi quadri:
allor vedrei i colori pių solari
o quelli bianco-viola dei fiori

L'arancione ed il giallo sembran ori
o in lucentezza di timidi fari.
Della mente sol gli occhi son ladri.


Si raggruppano verdi in massa varia:
come palme di mano latifoglie
su cui tracciato č l'umano destino.

Tuo marito, a lui, ti sente vicino.
Per te una mostra fa, niun lo distoglie.
Sei in ciel! Ed ei ti onora pure nell'aria!


Poesia di Nidia Robba, composta da otto terzine endecasillabi a rima invertita

30 marzo 2013



  • Romanzi e Raccolte di Poesie di Nidia Robba
  • Notizie su iniziative e presentazione libri


  • Home page